Fryderyk Chopin (Italiano)

Chopin usa il linguaggio di un melomane europeo tipico del XIXesimo secolo. Le signore e i signori sono molto sentimentali: “le languide ragazze” e “ i colti ufficiali” si esprimevano in questo linguaggio musicale.

Si tratta di John Fild, e Oginski, e Griboedov, e di tutti gli altri che sono capaci di prendere una penna e scrivere qualche nota.

Questa è la ragione per la quale Chopin attrae le masse di questi imbecilli musicali e anche «i figli delle buone famiglie”.

Se confrontate questo linguaggio con quello letterario, lo troverete molto vicino a quello della sua prolifica amante Aurora. E’ una grafomania romantica e appassionata.

Ma con Chopin ci fu “un piccolo imprevisto»: lui si è trovato l’unico non grafomane tra tutti quelli che usavano questo terribile “linguaggio di accessibilità”. Lui è rimasto l’uomo dalle enormi capacità di pensiero e dai sentimenti originali.

Se nei suoi pensieri Chopin è molto sincero e radicale, è però anche uno spirito rivoluzionario, sarcasticamente spietato, pieno di umorismo pungente e di un “nero” grottesco e parallelamente di una civetteria non mascherata. Al contrario, nell’espressione dei sentimenti, affonda nella profondità delle relazioni umane inimmaginabili per le ragazze, per gli ufficiali o per i “ servitori di talento” come Griboedov.

E’ entrato nel mondo dell’ erotismo aperto, delle passioni diaboliche, delle situazioni quasi patologiche, romantiche, perverse, degli scontri, degli stati mentali malsani e ha espresso tutto questo nella musica.

Nella “sua foresta musicale freudiana” stanno camminando bambini poveri (!), giovani ragazze e ragazzi ed altri sani di mente.

E’ un destino difficile, quello di essere condannato a un’incomprensione eterna con la “popolarità” eterna: è il prezzo da pagare per l’accessibilità della lingua.

Se vogliamo descrivere in poche parole il contenuto e i significati della musica di Chopin, e, in generale, il carattere espresso da Chopin come compositore, diremmo che Chopin è uno dei compositori più duri.

La sua musica è davvero audace e brutale, è frontalmente scioccante. E’ come uno schiaffo al mondo esterno, camuffato da un drappeggio di mussola nelle stanze di ragazze giovani, con un pugno odoroso di viola.

Ritratto di Fryderyk Chopin, dipinto di Ary Scheffer del 1847

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out /  Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out /  Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out /  Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out /  Change )

Connecting to %s